Resta anche domani

Quella che doveva essere una giornata di vacanza per Mia e la sua famiglia (i suoi genitori e il suo fratellino Teddy) si trasforma in una terribile tragedia...l'auto su cui stanno viaggiando si scontra, inaspettatamente, con un camion. 
Con le ferite riportate nell'impatto, Mia entra in coma ma, in qualche modo, il suo spirito si è separato dal suo corpo e, senza essere né vista né ascoltata, osserva ciò che le accade intorno, anche se, probabilmente, avrebbe preferito restare uccisa nell'incidente.

Come mi è capitato tante altre volte, ho scoperto questo romanzo quando ne uscì il film. Il trailer mi conquistò, così decisi di comprarne il libro...e lo adorai!! Non so cosa mi aspettassi prima di cominciarlo ma so che mentre lo leggevo ho sentito un brivido corrermi lungo la schiena e più andavo avanti più diventava difficile staccarsene!

Spero che alle altre swappine piaccia quanto è piaciuto a me.

Chiara


^°^°^°^°^°^°^°^°^°^

Credo che la vera sostanza di questo libro si possa riassumere in un semplice concetto: non dobbiamo mai perdere la speranza. D'altronde, ogni bufera ha poi il suo ciel sereno. 

Elena

^°^°^°^°^°^°^°^°^°^


Anche stavolta, ho letto questo libro convinta che il genere non mi avrebbe catturato e anche stavolta mi sbagliavo. Un libro intenso, che anche se sfiora il sovrannaturale non scade mai nell'assurdo. Un libro che ti dice che si può sempre risalire dal fondo più buio, un libro che fa capire che è facile morire e che il difficile è invece decidere di vivere ogni giorno e di affrontare le prove che la vita ci pone davanti.

Giorgia

^°^°^°^°^°^°^°^°^°^

Se avessi dovuto sceglierlo probabilmente non lo avrei fatto. Ma la bellezza dello Swap 2.0 sta proprio in questo: affidarsi agli altri lettori e lasciarsi andare a letture inaspettate, come quella di che ho affrontato questa volta.
Imprevisto, limpido, sincero, comunicativo. 
Cosa mi ha lasciato? Una rinnovata passione per il violoncello e un indelebile messaggio: never give up. 
Come suggerisce il titolo originale "If I stay", cosa accade se si decide di rimanere ancora un altro giorno? 
Vicky


^°^°^°^°^°^°^°^°^°^

Se il mondo ti crolla addosso, vale davvero la pena lottare e continuare a vivere nonostante tutto? Se fosse possibile scegliere sarebbe meglio vivere o morire?
Questo libro parla di questa linea sottile che divide la vita dalla morte, fa riflettere e ci fa capire che forse a volte è più facile morire che vivere ma bisogna lo stesso provarci perché la vita è piena di imprevisti ma tutti possono essere in qualche modo affrontati...
Fuzzy

^°^°^°^°^°^°^°^°^°^

Anche questa volta mi sono trovata a leggere un libro che di mia spontanea volontà non avrei mai aperto, e anche questa volta sono rimasta piacevolmente sorpresa. E' sicuramente un libro che fa riflettere. Qual è la strada che il nostro istinto ci dice di seguire? E qual è quella che ci indica la nostra volontà? La volontà di restare e di affrontare la vita con tutte le sue difficoltà.
Cris

^°^°^°^°^°^°^°^°^°^

"E poi ti immagini se invece si potesse non morire?"
Come alcune delle altre non credo che mi sarei mai avvicinata a questo libro e sono felicissima di dire che è stata una piacevolissima scoperta.
Semmai dovessi trovarmi in una situazione del genere, spero tanto di avere la forza di Adam e di Mia; l'importante è affrontare ogni difficoltà insieme.

Alexis

^°^°^°^°^°^°^°^°^°^

Nessun commento:

Posta un commento